Vacanze sicure

Paesi extra-UE

Corridoi turistici Covid-free

I “Corridoi turistici Covid-free” autorizzati dalla normativa italiana con ordinanza del Ministero della Salute del 28 settembre - consultabile con collegamento al seguente link  per le destinazioni: Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana ed Egitto (limitatamente alle zone turistiche di Sharm El Sheikh e Marsa Alam) - prevedono l’adozione di particolari misure di sicurezza (utilizzo di mascherine nelle aree chiuse; controllo quotidiano della temperatura; igienizzazione delle mani; distanziamento) nonché il possesso di certificazione verde Covid-19 ai soli soggetti che abbiano completato il ciclo vaccinale o siano guariti da Covid-19. Le presenti misure rispondono alle disposizioni normative assunte dal governo italiano e pertanto al rispetto delle medesime sono tenuti tutti i cittadini italiani.

Oltre a quanto previsto dalla citata Ordinanza i viaggiatori sono tenuti al rispetto altresì delle misure previste dalle normative locali per poter fare ingresso nel Paese di destinazione e in alcuni casi sono più restrittive rispetto a quanto previsto dal Protocollo italiano.

Al fine di facilitare il compito del viaggiatore nell’individuare esattamente le misure di prevenzione che consentono la fruizione della vacanza e l’ingresso nel Paese, e che impongono la comparazione ed individuazione della normativa prevalente, di seguito si espongono le misure richiesta dal Governo Italiano e valide per ogni destinazione ed a seguire i requisiti previsti per l’Ingresso in Ciascun Paese ammesso dai Corridoi Turistici:

MISURE VALIDE PER TUTTE LE DESTINAZIONI PREVISTE DALL’ORDINANZA “CORRIDOI TURISTICI COVID FREE”
  • possono viaggiare solo i soggetti che abbiano completato il ciclo vaccinale o siano guariti da Covid-19 per come previsto all’art 9, comma 2, lettere a) e b) del decreto legge 22/4/2021 n.52
  • sottoporsi a tampone (molecolare o antigenico a seconda della richiesta del Paese ospitante per come elencata nella relativa Sezione\Paese) con risultato negativo ed effettuato nelle quarantotto (48) ore precedenti la partenza;
  • se la permanenza all’estero supera i sette (7) giorni, sottoporsi a ulteriore test molecolare o antigenico in loco;
  • prima di rientrare in Italia, nelle quarantotto (48) ore precedenti l’imbarco, è necessario sottoporsi a un test molecolare o antigenico, condotto con tampone e risultato negativo;
  • all’arrivo in aeroporto in Italia, è necessario sottoporsi a ulteriore test molecolare o antigenico, con risultato negativo; in alternativa il passeggero dovrà sottoporsi alla quarantena.
  • Essere in possesso di un’assicurazione medica con copertura per Covid-19 che preveda l’eventuale rimpatrio sanitario, ove autorizzato dalle Autorità sanitarie locali, nonché e l’assistenza sanitaria in loco.
  • compilare 24 ore prima del volo di rientro il formulario digitale di localizzazione dPLF al link https://app.euplf.eu/#/ assicurarsi che venga generato QR code
  • I tamponi sono obbligatori per tutti i passeggeri da 6 anni compiuti.

Per informazioni aggiornate e ufficiali sulle procedure da espletare prima della partenza e al ritorno in Italia, ricordiamo sempre di consultare il sito Viaggiare Sicuri.


Powered by Artelogica